Ignacio e i suoi fratelli, i nipoti di Plaza de Mayo

A migliaia donano il sangue per confrontare il Dna con quelli della banca genetica. Così un giorno ritrovano le loro vere famiglie e scoprono chi li ha cresciuti. Vite spezzate dalla dittatura vengono sopraffatte da gioia e dolore. E soffrono tutti.

Il venerdì di Repubblica.
October 2014.
Read it.

La lista dello Schindler cileno

A 41 anni dal golpe di Pinochet, la storia di un uomo, omonimo dell’eroe di Spielberg, che salvò centinaia di oppositori al regime. Vestito da farmacista.
Indossando il camice bianco, dietro il bancone dei medicinali, Jorge Schindler organizzò la resistenza: nascondeva i perseguitati, li curava, gli dava da mangiare e riusciva anche a trovargli un lavoro.

La Repubblica Sera.
September 2014.
Read it.

Morto Re Grondona, boss del fútbol

L’uomo forte del calcio argentino, vice capo della Fifa. Decise molto, da Maradona a Messi. Polemico, deus ex machina, restò 35 anni al potere. Padrone indiscusso del pallone.

Il venerdì di Repubblica.
August 2014.
Read it.

Marina alla conquista del Brasile

Ambientalista, socialista, sangue africano nelle vene, amata da Lula: ecco chi è la donna che può soffiare
la presidenza a Dilma Rousseff.

La Repubblica Sera.
August 2014.
Read it.

Il sindaco ladro che stravince nelle urne

Applausi e voti a iosa per il sindaco messicano corrotto ma sincero. Cappello, baffi e petto nudo, ha ammesso di aver rubato per dare ai poveri. E le urne lo hanno premiato. Dopo aver vinto le precedenti elezioni, entrò nel palazzo municipale di San Blas in sella a un cavallo.

Il venerdì di Repubblica.
August 2014.
Read it.

Hollywood torna a L'Avana

Una troupe americana mancava dal 1958. Il regista Bob Yari aggira l’embargo e fa rotta su Cuba per un film che mette d’accordo comunisti e Casa Bianca: protagonista, Ernest Hemingway.

La Repubblica Sera
July 2014
Read it.

Elpidio, l'antipaperino di Cuba

Il cartone animato cubano che batte i gringos di Walt Disney e di Cartoon. In sella al suo cavallo, il piccolo guerriero spopola in tutta l'Isola, combattendo contro gli imperialisti stranieri.

Il venerdì di Repubblica.
July 2014.
Read it.

Il medico che cerca i resti dei morti di regime

La dittatura di Alfredo Stroessner durò 35 anni, e fece del Paraguay un luogo di terrore e di omicidio. Il figlio di una delle vittime, per lavoro, fa indagini su quel popolo di fantasmi.

Il venerdì di Repubblica.
June 2014.
Read it.

Di casa in casa, bussano agli alunni

In Santa Fe, Argentina, squadre speciali del Ministero dell'Istruzione combattono l'evasione scolastica porta a porta. Come fossero testimoni di Geova. Storie di povertà e violenza.

Il venerdì di Repubblica.
June 2014.
Read it / Watch it.

Skármeta: “Così Troisi diventò il mio Postino”

Colloquio vis-à-vis con l'autore de Il Postino, il cileno Antonio Skármeta, a vent'anni della versione filmica del suo romanzo più celebre. E alla vigilia dell'anniversario della scomparsa di Massimo Troisi, l'ecelso commediante napoletano che incarnò quel memorabile postino di Pablo Neruda, morto dodici ore dopo l'ultimo ciak sul set.

La Repubblica Sera.
June 2014.
Read it.

Op-Ed: Cile, l'ultima sfida di Bachelet.

El día que Gabo entrevistó a Firmenich

Completo, el cara a cara que Gabriel García Márquez y el dirigente montonero mantuvieron en 1977 a bordo de un avión. En el texto, varias veces premonitorio, el escritor narra la impresión que le causó el guerrillero argentino: felino, calculador, arrogante, lírico, ingenuo, triunfalista. "Es el hombre más extraño que encontré en mi vida", escribe el Nobel.

Perfil.
May 2014.
Read it / Online

Parlano italiano i figli rubati dei desaparecidos

Alcuni dei bambini strappati ai genitori dopo il golpe di Videla potrebbero essere cresciuti in Italia. Oggi, con le Nonne di Plaza di Mayo, c'è chi li sta cercando. Spunta la pista italiana.

Il venerdì di Repubblica.
May 2014.
Read it.

Il macellaio che fa a fette la crisi

Alcuni argentini non possono più permettersi neanche la carne. Allora, l’allevatore Alberto Samid la vende su Groupon, per i più poveri, ma non solo. Origine siriana e abitante dei sobborghi bonaerensi, il super macellaio promette di sconfiggere l’inflazione e le multinazionali. I suoi voucher digitali vanno a ruba. E finisce in politica.

May 2014.
La Repubblica Sera.
Read it.

Evo Morales, presidente calciatore

Sette anni fa, il capo dello Stato boliviano giocava in difesa. I benestanti della provincia boliviana di Santa Cruz, la più ricca de Paese, volevano farlo fuori con un tackle. Minacciavano una scissione come quella ucraina. Sembrava fosse in corso un golpe e che i giorni del primo presidente indio della Bolivia fossero contati. Oggi la musica è cambiata e Morales ha preso il sopravvento con una provocazione colossale: indosserà la maglia numero 10 della squadra Sport Boys Warnes della ricca Santa Cruz.

May 2014.
La Repubblica Sera.
Read it.

In partenza il treno ospedale per bambini

Inizia la scuola. Ogni inverno australe, un convoglio percorre l'Argentina. Porta medici volontari ai ragazzini che non ne hanno. Un treno solidale nato a braccetto con la democrazia argentina, che viaggia da inizio anni Ottanta: trentaquattro anni, centonovantatré viaggi e oltre ottantamila ragazzi per la prima volta da un dottore. L'esempio di Patch Adams.

May 2014.
Il venerdì di Repubblica.
Read it.

Ni gris ni ausente

Surgido de la explosiva década de 1950, Roberto "Tito" Cossa desarrolló una dramaturgia tan argentina como universal. Sus piezas son una indagación de la idiosincrasia nacional y un calado hondo en las tensiones humanas de todos los tiempos. Además, Cossa ha sido y es, a la vez que autor, hombre de acción del teatro argentino, tanto porque trabajó cada una de sus creaciones junto con los elencos como porque fue protagonista de las preocupaciones movilizadas del sector.

April 2014.
Revista BePé.
Read it.

La fatica dei supereroi

Duri come Hulk, tenaci come Spiderman: una fotografa messicana ha ritrattato i suoi connazionali emigrati a New York come i protagonisti dei fumetti. Lavapiatti, camerieri, operai: eroi del quotidiano con una famiglia da sfamare al di là del confine.

April 2014.
La Repubblica Sera.
Read it.

La favola del poeta clochard

A San Paolo, Raimundo viveva in strada e scriveva i suoi versi su piccoli biglietti. Una passante lo scopre, apre un profilo Facebook e gli fa ritrovare la famiglia perduta.

March 2014.
La Repubblica Sera.
Read it.

Addio alla Svizzera del Sudamerica

La fine di un'era: da sempre paradiso fiscale dell'area, l'Uruguay è preso di punta dall'Argentina. Banche in fuga.

March 2014.
Il venerdì di Repubblica.
Read it.

Op-Ed: L'America latina a rischio scisma

Brucia il Venezuela di Maduro


A un anno dall’ascesa dell’erede di Chávez, Caracas è sull’orlo della guerra civile. E Capriles aspetta la resa.

February 2014.
La Repubblica Sera.
Read it.

A Cuba va in scena la riscossa dei fratelli Castro

Il mondo ha guardato con cautela quell’inattesa stretta di mano tra Barack Obama e Raúl Castro ai funerali di Nelson Mandela. Dopo mezzo secolo di isolamento e embargo, il tavolo si ribalta, anche se solo parzialmente. Tutti a L’Avana, senza Obama. Trentatré capi di governo del continente –americani e canadesi esclusi– si sono riuniti a fine gennaio per il vertice della Comunità di Stati Latinoamericani e Caraibici (Celac), ultima creatura dello scomparso presidente venezuelano Hugo Chávez.

February 2014
Il venerdì di Repubblica
Read it.

Il Brasile $urreal

La corsa dell’inflazione alimenta proteste di piazze ma anche ironie. E c’è chi inventa una nuova moneta per denunciare i prezzi gonfiati a causa dei Mondiali 2014 e delle Olimpiadi 2016.

February 2014
La Repubblica Sera
Read it

Perché in Argentina gli indignados sono i poliziotti

Forze dell'ordine corrotte, malpagate e senza sindacato unico. In grado di ricattare l'intero ceto politico. Un focolaio per ogni provincia, con sbandati e narcos che approfittano per organizzare saccheggi nelle strade incustodite dai poliziotti ammutinati. La debolezza del potere politico e il rischio di caos federale. Le feroci liti interne del peronismo e l'eredità della dittatura.

January 2014.
Il venerdì di Repubblica.
Read it.

Audio: "The Peso devaluation" (Radio RAI, Rome)

"Argentinian way of life" (Italian interviews at Radio Capital. Rome, 2013/2014). Listen to part 1 / part 2 / part 3

Chiapas vent'anni dopo

Il 1 gennaio 1994 il subcomandante Marcos guidò la rivolta india neozapatista e divenne un mito per la
sinistra e i No Global, ma anche un'icona pop. La marcia sulla capitale, il rapporto con i media e la sopravvivenza nella foresta. Ecco come è finita.

January 2014
La Repubblica Sera
Read it.

Una canna contro i narcos

L’Uruguay sarà il primo paese al mondo a produrre la cannabis di Stato, come misura per combattere la
criminalità delle droghe. La vendita in farmacia, i club dei coltivatori, il consumo a scopo medico o ricreativo e la possibilità dell'export. Una decisione di libertà che spaventa i vicini.

December 2013
La Repubblica Sera
Read it

Audio: "Pepe Mujica, lo spinello e lo svago" (Italian interview at Radio Capital, Rome)

Bambini calciatori, gli schiavi del pallone

L'export più quotato dell’Argentina non è la carne, ma i minorenni che giocano a pallone. Un'ironica premessa per smascherare uno dei volti più cupi del calcio: quel quasi medievale mercato di ragazzini sudamericani venduti ai club europei. Una prassi che sfiora lo sfruttamento minorile. Favelas brasiliane o villas miseria argentine dove il pallone rappresenta la forma più concreta di riscatto sociale: il "capitalismo del miracolo". Uno su mille ce la farà. L'incuria della Fifa e il via libera per i club europei.

November 2013
La Repubblica Sera
Read it

Panem et circenses: Le due facce di Rio

In alto, nelle favelas, vivono millioni di poveri. In basso, in città, i nuovi ricchi si spostano in elicottero sopra un traffico caotico. In attesa di mondiali e olimpiadi, il Brasile tenta la pacificazione tra mondi distantissimi. Il boom del nuovo ceto medio-basso, la bolla dell'edilizia e la pax finanziata dagli investitori stranieri.

November 2013.
Il Venerdì di Repubblica.
Read it.

Extra: Brasile lancia card e bancomat per prostitute

Il paese del telefonino fai-da-te

Ignorati dalle grandi compagnie, gli abitanti di una cittadina messicana si tassano e creano una loro rete
privata, che ora vogliono allargare a tutto il sud povero dello stato. Come la biblica sfida di Davide contro Golia, sono riusciti a piegare la volontà delle grosse multinazionali della comunicazione. Contro tutti i pronostici, hanno creato la propria rete di cellulari, con telefonate gratuite tra di loro. E dall’alto delle montagne, nella regione meridionale di Oaxaca, lo fanno sapere al mondo intero.

October 2013.
La Repubblica Sera.
Read it.

Al cinema la Bariloche di Priebke e Mengele

Se non fosse tragicamente vera, potrebbe sembrare una storia fin troppo fantasiosa: peccato che la vicenda narrata da Wakolda, un film appena uscito in Argentina, è ispirato a una storia certa. E racconta la fuga e il soggiorno del gerarca nazista che fu il dottor Josef Mengele a Bariloche, una cittadina alle porte della Patagonia argentina. Qui, nell’immediato dopoguerra, il responsabile dei mostruosi esperimenti di eugenetica che martoriarono centinaia di persone alla ricerca del segreto del presunto miglioramento della razza ariana, trovò alloggio presso una famiglia locale, ignara della sua identità.

October 2013.
La Repubblica Sera.
Read it.

La zampata del "Tigre": il Renzi argentino

Un giovane sindaco si prepara a sfidare la Presidenta Kirchner alle elezioni del 2015. Lo chiamano El Tigre, nome della città di 380 mila abitanti che dal 2007 amministra con successo. Sergio Massa ha 41 anni e vuole rottamare Cristina Kirchner. Questo Matteo Renzi argentino ha le carte in regola per farcela: ha appena battuto il capo del governo alle primarie parlamentari, il mese scorso, dopo dieci anni di militanza nelle stesse file.

September 2013
La Repubblica Sera
Read it.

Nicaragua (e Cina) per un nuovo canale di Panama

Non ci riuscirono i sovietici, che nel 1961 piazzarono a Cuba missili puntati contro la Casa Bianca. Non ce l’hanno fatta gli iraniani né i russi capitalisti, nonostante le recenti vendite d’armamento agli alleati latinoamericani. A mettere piede definitivo sulle Americhe sono i cinesi.

August 2013.
Il Venerdì di Repubblica.
Read it.

Una bottiglia d'acqua illumina il mondo

Il meccanico brasiliano Alfredo Moser ha avuto un’idea rivoluzionaria per ottenere luce a costo zero. Tutti lo copiano, ma lui non brevetta l’invenzione che cambia la vita ai più poveri. Bottiglie di plastica, acqua e qualche goccia di candeggina. Ecco gli ingredienti del meccanico per illuminare tutto il mondo, a cominciare dai suoi vicini di casa.

August 2013.
La Repubblica Sera.
Read it.

Evelyn e Michelle, amiche e duellanti

Cile, la socialista Bachelet e la liberale Matthei si conoscono da sempre. Il golpe del 1973 le ha separate: il padre di una fu ucciso sotto tortura, il padre dell’altra divenne ministro di Pinochet. Ora sono in corsa per le presidenziali. Quando da bambine giocavano con le bambole, Michelle ed Evelyn non avevano mai immaginato di contendersi nientemeno che il Palazzo de La Moneda. La sede del Governo cileno era per loro qualcosa di stampato sui manuali scolastici.

La Repubblica Sera.
August 2013.
Read it.

Extra: Cile, l'ultima sfida di Michelle.

La ragnatela anti-yankee dell'erede di Chávez

Che cosa c’è dietro la sfida di Correa contro la superpotenza degli Stati Uiniti? I rancori del passato ma anche un’ambizione tutta nuova: riprendere il ruolo antagonista che fu del leader venezuelano. A ruba i formulari di richiesta d’asilo politico in Ecuador per le ex spie che fuggono dal Grande Fratello americano. Ma che cosa spinge i dissidenti a cercare la protezione di questa piccola nazione andina? E come mai il giovane presidente ecuadoriano, Rafael Correa, affronta –con gli Usa– i costi di una sfida biblica tipo David contro Golia?

July 2013.
Il Venerdí di Repubblica.
Read it.

Extra: "Gli Snowden sudamericani che gli Usa non consegnano"

Luthier d'armi: l'artista che suona i fucili

In un Messico inginocchiato dal crimine organizzato, c’è qualcuno che gira in mezzo alle sparatorie per strappare note ai proiettili. Si tratta dello scultore messicano Pedro Reyes, che trasforma in strumenti musicali le armi che tanto sangue stanno versando nel suo paese. Attraverso le sue mani, i caricatori dei fucili diventano una chitarra elettrica; i tamburi di pistola fanno da potenziometri e le varie parti di un mitra si trasformano nel manico dello strumento. Un vero luthier, liutaio, delle armi. Il Governo messicano consegnò allo scultore un arsenale di 6.700 munizioni distrutte nella violenta Ciudad Juárez. Poco più di 500 scatole con montagne di lanciagranate, mitragliatrici, pistole e fucili da caccia sequestrati ai narcos. «Da uno strumento di morte ne creiamo un altro di vita», spiega Reyes dalla sua officina a Città del Messico.

July 2013.
La Repubblica Sera.
Read it.

L'ultimo re delle Americhe

Dittatori, autocrati, militari. Un po’ di tutto ha avuto la giovane storia dell’America latina, prima di accarezzare la democrazia. Tutto tranne monarchi ereditari. Fatta eccezione per il sangue blu sopravvissuto al crollo dei Borbone nel Nuovo Mondo. Il sovrano afroamericano che regna tra le foglie di coca. Un’insolita monarchia nel cuore del Sudamerica, riconosciuta dalla Costituzione della Bolivia.

June 2013.
Il Venerdì di Repubblica.
Read it.

Occupy Rio

L'altra faccia del gigante sudamericano. Corruzione, polizia violenta e un welfare che fatica a funzionare. Quel pezzo del Brasile che non ha goduto del miracolo. Così è nato il movimento che sta scuotendo la nazione. Proiettate sul tetto ricurvo del parlamento di Brasilia, le loro ombre sono enormi. I ragazzi ballano e cantano l’inno nazionale, dopo aver sfondato il cordone della polizia e conquistato il palazzo del potere. Di colpo, al Paese di Pelé e Ronaldo, il calcio è indigesto.

June 2013.
La Repubblica Sera.
Read it.

Medici (cubani) senza frontiere

Dopo i sigari sono il “prodotto” più ambito dell’isola caraibica: 40 mila lavorano nei paesi emergenti. Per passione, ma anche per denaro. Dal Ministero degli Affari Esteri dicono che oggi girano per 70 paesi clinici, oculisti, dentisti, infermieri, tecnici della salute e assistenti. Più della metà sono donne. Con università esentasse, dove non si pagavano nemmeno i libri, i medici si moltiplicano. Nel 1963 partì la prima missione sanitaria, verso l’Algeria appena affrancata. 

June 2013.
La Repubblica Sera.

Inglesi e argentini ai ferri corti dopo le Falkland

Trent'anni dopo il conflitto per le isole, i due paesi sono di nuovo contrapposti. In onore alla corona, Londra ha battezzato «Regina Elisabetta» il territorio antartico rivendicato dagli argentini. L’Antartide, il cosiddetto sesto continente. Un suolo grande 14 milioni di chilometri quadri, di cui 437 mila contesi tra questi due antichi avversari. Una porzione pari al doppio dell’intera Gran Bretagna.

April 2013
Il Venerdì di Repubblica.
Read it.

Op-Ed: Crimea or Malvinas, EU double standard

La crisi che allunga la vita

La dieta cubana insegna come la crisi economica possa allungare la vita, dicono gli studiosi: mangiare meno e non usare l’auto fa diminuire le morti per infarto e per diabete. Lo dimostra una ricerca sulla popolazione dell’isola quando finirono gli aiuti dell’Urss.

April 2013.
La Repubblica Sera.
Read it.

Tamburi di guerra a Brasilia: la rivolta degli indios


Gli indios hanno occupato il parlamento per fermare una legge che li caccerà dalle loro terre. “La situazione dei nativi è disperata. Li stanno massacrando ed è giusto che si difendano”. Con danze tipiche, tamburi e canti tribali, i rappresentanti delle popolazioni precolombiane hanno fermato la seduta che avrebbe consentito al Parlamento di arrogarsi il diritto di delimitare le loro terre.

April 2013.
La Repubblica Sera.
Read it

I nuovi desaparecidos dell'America latina


Vittime di narcos, trafficanti di persone, paramilitari o ultime guerriglie. Malgrado la crescita economica, dal Messico alla Colombia la gente continua a sparire. E le cifre sono peggiori che all'epoca delle dittature.

March 2013.
Il Venerdì di Repubblica.
Read it.

Habemus Papam (argentinum)


Calcio, mate e tango. Ecco la trinità pagana che accompagna il Pontefice dalla sua nascita, nella casa di via Membrillares 531, condivisa con i cinque fratelli, il padre, José Francisco, impiegato delle ferrovie, e la madre Regina, casalinga. Tre elementi che dipingono la vita privata, non religiosa di quest’uomo fiero delle sue radici bonaerensi. I rapporti con il ceto politico e gli anni di piombo.

March 2013.
La Repubblica Sera.
Read part 1 / part 2 / part 3 / part 4 / part 5

Audio: "No more an infallible Pope?". Interview (in Spanish) at Radio Nacional, Argentina.

Bis: Saint Pasolini, the redeemed heretic (Perfil, July 2014) / Giustizia è fatta per il vescovo rosso che ordinò Bergoglio (Il venerdì di Repubblica, July 2014).

Un parque de la memoria

Inaugurado en Italia el parque de la memoria en recuerdo de los estudiantes víctimas de la última dictadura argentina (1976-1983). Con sede en el jardín botánico de la Facultad de Agraria de la Universidad de Turín, la ceremonia contó con la presencia de Madres de Plaza de Mayo y de numerosas agrupaciones estudiantiles del Piemonte. Organizó la Asociación Argentino Italiana Piemonte Onlus, el ateneo turinés y la Embajada de Argentina en Roma.

November 2012.
See pictures.

Argentina 2001-2011: modelos de crecimiento y desarrollo ante la recesión europea

Debate académico sobre la crisis en Europa a la luz de la recuperación de Argentina. Un análisis de las decisiones de política económica del Gobierno argentino en la última década, en contraste con el panorama italiano actual: mercado interno, exportación, consumo, educación, jubilaciones, salud, inversión extranjera, regionalismo, derechos humanos. Organiza Asociación Argentino Italiana Piemonte y Centro de Estudios Sociales. Auspicia la Embajada de Argentina en Roma. Sede del Aula Magna de la Universidad de Turín.

Turín, diciembre de 2011.
Ver programa.

Antes del fin

Presentación de la edición italiana de Antes del fin, de Ernesto Sabato, a cargo de la Editorial Sur. Preceden a mi intervención las melodías en vivo del cantautor y compositor cordobés, maestro Miguel Ángel Acosta.

Turín, octubre de 2011.
Escuchar.

ItaliArgentina: aniversarios de unidad y libertad

El bienio 2010-2011 aunó la conmemoración del bicentenario de la Revolución de Mayo en la nación sudamericana y los 150 años de la unificación de la Península itálica. En jornadas de estudio y disertaciones, analizamos la relaciones bilaterales, la percepción que une y distancia a estos países y el estado de los flujos migratorios. Con el reconocido sociólogo político Torcuato Di Tella, hoy embajador de Argentina en Roma.

Turín, marzo de 2011.
Ver programa.

“En América del Sur refuerzo mis ideas”

Dice que conserva las aspiraciones de su juventud, pero que ha ido perdiendo las ilusiones. Por lo pronto, sus 90 años de vida no han horadado ni su físico ni su energía intelectual. Marca indeleble en la filosofía del siglo XX y referencia indiscutida en la bibliografía de las universidades del globo, el sociólogo francés Edgar Morin no se baja del planeta. “Es improbable salvarse de la catástrofe, por eso estoy en espera”, profetiza este ex comunista en su último libro, La Vía, un catálogo de los males de este mundo y de las posibles reformas antes de que la eclosión sea inexorable.

From Turin.
May 2011.

Quieren echar a Berlusconi con los votos de Argentina

El diputado Antonio Di Pietro, quien como fiscal lideró la operación “Mani Pulite” que, a fines de los 90, descabezó una gigantesca trama de corrupción política, impulsa ahora un referéndum para que el premier Silvio Berlusconi deje de invocar una ley hecha a su medida para evitar las múltiples causas que debe enfrentar en la Justicia. En diálogo exclusivo, Di Pietro advierte: para lograr la aprobación serán clave los votos de los más de 400 mil ciudadanos italianos que viven en Argentina.

Desde Turín.
Abril de 2011.

Leer.

La inédita usina multicéfala

Maneja cada fibra del cuerpo con maestría. Se desplaza por el escenario con exactitud cronométrica. Ríe a mandíbula batiente. Todo en él es pantagruélico. “Hombre del teatro político que, en la tradición de los juglares medievales, fustiga al poder y restaura la dignidad de los humildes.” Así prefiere definirse el italiano Dario Fo, Premio Nobel de Literatura 1997, en entrevista exclusiva.

Desde Milán.
Febrero de 2011.